L’ESPERIENZA DEL TECNICO PSICOLOGO

Ho iniziato la mia attività di tecnico psicologo all’interno della comunità da circa un mese. Già il primo giorno di presentazione ho notato la voglia degli anziani di voler fare, la loro curiosità di sapere che attività avremmo fatto insieme e di conoscere la mia figura professionale. Abbiamo iniziato la settimana seguente con la creazione di maracas utilizzando materiale di recupero, bottigliette di plastica al cui interno abbiamo inserito pastina e riso. Loro hanno subito mostrato interesse nel produrre e a fine lavoro hanno giocato ognuno con la sua bottiglietta-maracas creata, vederli contenti ha soddisfatto tantissimo anche me e il loro ‘grazie per la compagnia’ a fine attività, ogni giorno che passa mi rende sempre più contenta.

Nei giorni a seguire ho proposto loro delle attività di memoria, abbiamo iniziato con il gioco ‘Le Lettere’ e continuato con le carte da gioco siciliane. Anche per questo tipo di attività si sono mostrati abbastanza collaborativi, hanno partecipato con interesse a tutte le attività proposte e spesso dopo le attività creative sono loro stessi a chiedermi ‘ci facciamo una partitina a carte?’, e accettando volentieri mi siedo nel tavolo con loro a organizzare i turni e conteggiare i punti, ai quali loro stessi fanno molta attenzione, altre volte meno. ‘ Non importa chi vince o chi perde, l’importante e che tu ci fai giocare’, mi dicono con tanto di sorriso.

Prima di andare via, sistemo il mio materiale e loro già capiscono che sto per andare via, ‘ ma il tavolo è vuoto, te ne stai andando?, e adesso quando ritorni?’

Dico loro il mio giorno prossimo e mi salutano desiderosi di sapere qual è l’attività che li aspetta la prossima volta. In occasione di ‘feste’ quali ad esempio la festa della donna, ho dato loro delle indicazioni su come creare una mimosa di carta, simbolo tipico di quella occasione. Emergono in loro dei pensieri passati ‘io lavoravo a fioraio, li vendevo quelle vere e profumate, vabbè che anche queste verranno belle’, ho notato come l’immagine di un oggetto ha fatto emergere in loro un ricordo e il profumo e di questo ne sono soddisfatta.

In occasione della primavera stiamo creando un cartellone con atmosfera primaverile e colori vivaci, anche per questa attività hanno partecipato in tanti e divertiti.

attivita-201502-08

Anche in occasione dei loro compleanni abbiamo realizzato un lavoretto su carta, oltre alla pittura si sono dedicati alla scrittura. Ho dedicato delle orette al disegno libero per trarre da questi disegni degli episodi riguardo la loro vita passata e la loro personalità. Alcuni hanno disegnato bombe a mano e soldati, altri le loro mani e altri ancora hanno voluto accanto al loro foglio una figura da riprodurre. Ho anche avuto modo di osservare i loro comportamenti con gli altri e ho notato che hanno molto spirito collaborativo e di supporto per l’altro, fattore che è di fondamentale importanza per chi vive all’interno di un ambiente da condividere con altri. C’è un clima amichevole di scherzo e sostegno reciproco. Oltre all’osservazione ho dialogato con ciascuno di loro dando un supporto morale e psicologico a chi racconta come ha vissuto la propria vita passata con un po’ di tristezza o malinconia. Tutti oltre a ricevere supporto danno feedbach positivi e soddisfacenti.

DOTT.SSA MIRIAM POLIZZI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *